Archivio mensile:maggio 2016

Come avere Word, Excel, Power Point e Access GRATIS senza pagare soldi

Come avere Word, Excel, Power Point e Access GRATIS senza pagare soldi
Quando si ha un Computer la prima cosa che bisogna verificare è che al suo interno siano presenti i programmi indispensabili. Come dice la parola stessa gli indispensabili sono quegli applicativi che non devono assolutamente mancare ad un Pc. Nel caso non fossero presenti bisognerà necessariamente installarli senza farsi troppe domande perchè prima o poi vi serviranno. Se si tratta di un Pc nuovo sappiate che in genere sono preinstallati ma può capitare che non ci siano. Vediamo nel dettaglio quali sono gli indispensabili:
1 ) Microsoft Office: è una suite di programmi per l’ufficio tra i quali spiccano un editor di testo, un elaboratore di fogli elettronici, un creatore di database, un viewer/creator di diapositive;
2 ) 7-Zip: programma in grado di comprimere e decomprimere file e cartelle in tutti i formati conosciuti ossia .rar, .zip, .7zip, ecc. ecc;
3 ) Adobe Reader: programma in grado di leggere i file in formato .pdf;
4 ) un Antivirus: consiglio in primis Avira che reputo il migliore oppure Avast! che occupa poche risorse in termini di memoria RAM.
Dovete sapere che il pacchetto Office della Microsoft purtroppo è a pagamento questo significa che bisogna pagare per averlo sappiate però che esiste una validissima alternativa a Office e che è identico in tutto e per tutto ad esso e si chiama Open Office, non è altro che una suite di programmi per scrivere, creare fogli di calcoli, presentazioni, database e tanto altro ancora. Tale programmone dovete sapere che è gratis al 100%, lo sarà sempre, non ha limitazioni di sorta e può essere usato tranquillamente! Ma bando alle ciance! Per prima cosa andiamo al sito ufficiale di Open Office che è il seguente http://www.openoffice.org/it/ ora scorrete un po’ in basso la pagina e cliccate sulla scritta ” download”, ora dalla pagina che si apre cliccate su “Scarica versione completa” alla vostra sinistra ora aspettate qualche minuto e apparirà automaticamente la finestrella del salvataggio del programma cliccate su “Salva file”. Adesso il file di installazione è stato scaricato, cliccateci sopra tramite un doppio click, cliccate sempre sulla scritta “Avanti” fino ad arrivare a “Fine”. A questo punto avete installato Open Office, siete pronti per utilizzarlo e realizzare qualsiasi cosa per il vostro lavoro. Tengo a ribadire che questo applicativo dalle dimensioni piuttosto elevate lo potete considerare come l’equivalente di Microsoft Office in quanto uguale, con le medesime funzionalità ma interamente gratuito.

Copyright:
Guida scritta dal Blogger ed esperto informatico Leandro Osmelli di Roma, ogni materiale qui presente non può essere utilizzato, copiato e/o divulgato perchè appartenente al proprietario di tale sito. Ciascun utente che eventualmente preleverà il suddetto materiale verrà denunciato alle autorità competenti.
Leandro Osmelli (blogger ed esperto informatico):

Aggiungimi come amico su Facebook:
http://it-it.facebook.com/leandro.0smelli

Come riparare Explorer.exe su Windows 7

Come riparare Explorer.exe su Windows 7
Windows 7 come altre versioni passate e presenti di Windows può consentire tramite opportuna modifica di un file di aggiungere nuovi temi al proprio sistema operativo. Avere più temi può fare solo piacere visto che in tale modo lo sfondo, le finestre, le barre dei menu e quant’altro si arricchiscono a livello estetico e rendono il programmone in questione bello da vedere. Tuttavia come scritto pocanzi bisogna andare a modificare un file principale per mettere un tema diverso usando il file chiamato “Uxtheme” che si può liberamente scaricare da Internet. Cambiando il tema grazie all’ausilio di Uxtheme però può provocare problemi di malfunzionamento al file principale di Windows che è Explorer.exe, questo file è fondamentale, possiamo considerarlo come il cuore di Windows che vi consente di aprire le cartelle, di visualizzare il Pannello di Controllo e di aprire la cartella intitolata “Computer“. Se non si apre il Pannello di Controllo, la cartella “Computer” e le normali cartelle significa che il file Explorer.exe è stato compromesso! Non abbiate paura, non è così grave come sembra infatti per tornare ad aprire tutto vi basterà cliccare “Start” in basso a sinistra poi dal menu che uscirà fuori un click su “Esegui“, ora dalla finestra scrivete “msconfig” (senza virgolette mi raccomando) poi “OK” in basso, adesso vi si è aperta una finestrella, spostatevi nella scheda intitolata “Opzioni di avvio” in alto a sinistra ed in basso a sinistra mettete un segno di spunta alla dicitura “Modalità provvisoria” ed infine su “OK“. Riavviate il sistema e appena si riprende sarete sulla modalità provvisoria che non è altro che una versione base di Windows in cui ha caricato solo i servizi principali e i driver più importanti. Già in questa modalità noterete che state aprendo le cartelle, i file e state visualizzando il Pannello di Controllo. Ma per fare in modo che anche nella modalità normale possiate aprire tutto ciò che volete dovrete recarvi nella cartella “Windows“, agite quindi nel seguente modo, cliccate sul logo di Windows in basso a sinistra, poi un click a destra su “Computer“, adesso doppio click su “Disco Rigido“, poi sulla cartella “Windows“, ora aprite la cartella “Resources” e poi “Themes“, qui sono elencate le cartelle e i file dei vari temi installati, individuate quello/i che potrebbe/ero aver provocato il malfunzionamento di Explorer.exe e cancellatelo/i. Ora fate il procedimento passato quindi “Esegui” poi “msconfig“, “Opzioni di avvio” e nella scheda “Generale” mettete “Avvio normale” poi “OK“, il pc si riavvierà e adesso potrete finalmente aprire cartelle, visualizzare il Pannello di Controllo senza problemi!

Copyright:
Guida scritta dal Blogger ed esperto informatico Leandro Osmelli di Roma, ogni materiale qui presente non può essere utilizzato, copiato e/o divulgato perchè appartenente al proprietario di tale sito. Ciascun utente che eventualmente preleverà il suddetto materiale verrà denunciato alle autorità competenti.
Leandro Osmelli (blogger ed esperto informatico):

Aggiungimi come amico su Facebook:
http://it-it.facebook.com/leandro.0smelli